UDACITIES è una ditta individuale nata nel 2016, finalizzata alla creazione e al lancio del progetto “re/ENCHANTING ROME souvenir urbani”. Ne è titolare Anna Paola Di Risio, PhD, progettista e valutatore di politiche pubbliche urbane e territoriali.

“re/ENCHANTING ROME souvenir urbani” è un marchio per la valorizzazione del patrimonio storico, culturale e intellettuale di Roma, registrato con domanda numero: 302016000098495 in data 30/09/2016.

Frutto di anni di attività spesa nel campo delle politiche urbane e sociali insieme a una ricerca attiva nel campo dell’arte e della semiotica, il marchio nasce grazie all’impegno di Anna Paola Di Risio, Rosalia Ceci, Laura D’Atanasio e Sabina Zocchi, a breve socie di UDACITIES.

Obiettivo a lungo termine è la trasformazione della società in un consorzio partecipato di artisti, artigiani, designer, storici, archeologi, scrittori, musicisti, architetti e quanti condividano lo spirito del progetto.

Partecipiamo al concorso Roma Best Practices Award 2017 con “re/ENCHANTING ROME souvenir urbani”, progetto culturale, sociale e imprenditoriale che ben si presta a concorrere nella categoria “Roma parla bene”: produciamo souvenir e narrative che “parlano” di Roma e ne comunicano un’immagine efficace al resto del mondo.

Alla base dello sviluppo del progetto vi è la constatazione di come l’immagine di Roma venga spesso affidata agli stereotipi dei classici souvenir e alle narrative dominanti parziali che ne impoveriscono la realtà composita. Da qui la volontà di far convergere l’esperienza e le conoscenze acquisite in un progetto sulla comunicazione per la città di Roma più inclusiva, evidenziandone vissuti, dettagli e immaginari non convenzionali.

Nel corso del 2016 abbiamo chiesto ad artisti, artigiani e piccole manifatture di realizzare per re/ENCHANTING ROME i “souvenir urbani”, cioè oggetti e narrazioni in grado di evocare l’incanto di Roma e di restituire alla nostra città l’immagine di una bellezza generosa e nascosta che ha radici nella nostra lunga storia urbana e può ancora dispiegarsi nel presente di Roma metropolitana.

Il “re-incanto” è uno dei quattro registri d’intervento dell’utopia pratica di Ash Amin. Il concetto esprime la necessità di lasciarsi nuovamente incantare dai simboli urbani che non sono più solo i grandi monumenti del passato, ma anche i luoghi delle relazioni, del lavoro, della cultura e dell’incontro sociale, diffusi nella città, dal centro alle periferie.

I nostri souvenir sono al tempo stesso emblemi del re-incanto e strumenti per ricominciare a lavorare sull’identità romana, ripristinando il legame tra il prodotto materiale e la città, cioè la cultura che lo esprime.

La fase di avvio è culminata nell’evento di presentazione e lancio della prima collezione di souvenir dedicati a Roma. L’evento ha avuto luogo il 26 novembre 2016 presso il Museo Orto Botanico di Roma che ha aderito all’iniziativa, ospitandoci nei suoi meravigliosi giardini, luogo di incanto per eccellenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *