Torna il Roma Best Practices Award – Mamma Roma e i suoi figli migliori, il Premio nato per valorizzare e mettere in rete le migliori idee, progetti e soluzioni per Roma.

La seconda edizione, che si terrà il 21 aprile 2018 in occasione del 2771° Natale della città, nasce per continuare il percorso intrapreso lo scorso anno: raccogliere e valorizzare le Buone Pratiche esistenti nel territorio cittadino, facendo emergere le idee più innovative. A Roma, infatti, sono attive centinaia di esperienze di successo, progetti ed esperienze che toccano una vasta gamma di settori: dall’istruzione all’ambiente, dalla cultura alla rigenerazione urbana, dall’integrazione allo sport e alla responsabilità sociale d’impresa.  Il Roma Best Practices Award, oltre ad individuare e premiare le migliori iniziative, mira a mettere in rete queste esperienze per unire le forze tra associazioni, scuole, aziende, comunità, Istituzioni o singoli cittadini che sviluppano idee, si organizzano, si attivano per trovare soluzioni nuove per Roma.

La prima edizione del Roma BPA, che si è svolta il 21 aprile dello scorso anno con il patrocinio di Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, Ministero dell’Istruzione Università e Ricerca, Regione Lazio, Roma Capitale, Ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali, Università degli studi Roma Tre, Presidenza del Consiglio –  Ufficio coesione territoriale, e ha coinvolto oltre 160 tra associazioni, comitati, aziende e singoli cittadini ed ha visto assegnare premi per un valore di oltre 7000 euro.

Anche quest’anno sono previste delle aree tematiche tra cui è possibile scegliere per iscriversi. Le categorie sono 7: “Roma cresce bene” per le attività riguardanti scuola-territorio e alternanza scuola-lavoro; “Roma Tvb” per le attività che migliorano i beni comuni della città; “Roma accoglie bene” per le attività per l’integrazione e la solidarietà; “Roma parla bene” per le campagne di comunicazione che fanno bene alla città; “Roma innova bene” per le soluzioni che migliorano la qualità della vita in città; “Roma si muove bene” per le attività sportive e culturali che creano comunità, “Roma coltiva bene”  per i tanti progetti legati agli orti urbani ed alla condivisione ambientale.

A valutare i progetti ci sarà un comitato scientifico composto, tra gli altri, da:
Rebecca Spitzmiller (Retake);
Lorenzo Tagliavanti (presidente Camera di Commercio di Roma);
Gildo De Angelis (direttore Ufficio scolastico regionale Miur);
Rossella Santilli (giornalista Tg3 Lazio);
Alvaro Moretti (direttore quotidiano “Leggo”);
Erminia Manfredi;
Mohamed Tailmou (Portavoce rete G2);
Luisa Arezzo (Scuole di Roma);
Massimo Vallati (Radio Impegno);
Alberto Versace (Agenzia per la Coesione Territoriale Presidenza del Consiglio);
Valerio Piccioni (giornalista sportivo);
Beppe Roma (Touring Club Italiano);
Gregorio Arena (Presidente Labsus);
Laura Tassinari (Presidente Bic Lazio);
Claudio Bocci (Presidente Federculture);
Francesca Danese (Presidente Forum Terzo settore)
Sabrina Florio (Presidente Anima);
Erino Colombi (Presidente Cna Lazio);
Roberto Orsi (direttore osservatorio socialis);
Giulia Flor Beraschi (i ragazzi del Cinema America);
Daniele Grassucci (direttore skuola.net);
Sabrina Florio (Presidente Anima per il Sociale nei valori d’impresa);
Luigi De Salvia (Presidente Religions for Peace Italia);
Andrea Rivera (attore)

I vincitori riceveranno premi in beni, servizi o denaro messi a disposizione dai Partners o dagli Sponsor dell’evento. Per questo sarà avviata una Call to Action rivolta alle aziende romane: saranno loro a sostenere i progetti migliori per Roma.

Partecipare è semplice: chiunque potrà farlo descrivendo l’attività svolta e specificando il periodo, il luogo, le realtà coinvolte, i risultati raggiunti.

Per iscriversi è necessario  inviare una email a romabpa2018@gmail.com o sulla pagina Facebook www.fb.com/romabpa.it.

Scarica qui la domanda di partecipazione! >>>> lettera_bpa2018
Da oggi, inoltre, è online il nuovo portale www.romabpa.it  che racconterà  giorno per giorno il percorso del Premio, le storie dei partecipanti e gli appuntamenti organizzati dalle realtà che hanno partecipato alla prima edizione o che parteciperanno a quella del 2018.